04 Ottobre 2019

Zaniolo e la mamma... dei laziali
di Stefano Greco

Quando le società vieteranno o imporranno ai giocatori delle regole rigide sull’utilizzo dei social, sarà comunque troppo tardi. Oggi campeggia ovunque la notizia di un giocatore del City che rischia una multa e una squalifica per un post considerato razzista (in realtà, era un commento ironico tra compagni di squadra, ma oramai sul razzismo siamo alla paranoia…) su un compagno di squadra di colore, mentre è chiaramente scivolata via la gaffe commessa da Nicola Zaniolo, sempre sui social, ieri sera dopo la partita pareggiata dalla Roma in Austria. Nulla di grave, sia ben chiaro, ma per l’ennesima volta questo ragazzo ha dimostrato di non saper contare fino a 10 o di non saper utilizzare nel privato quell’intelligenza che mostra sul campo di gioco e che lo rende uno dei giovani più promettenti del calcio italiano.

Cosa è successo? Andiamo con ordine. In occasione dell’ultimo derby, la parte laziale dello stadio ha cominciato ad intonare un coro sulla mamma di Zaniolo che ha suscitato grande attenzione mediatica. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, il coro è semplice: “La mamma di Zaniolo è una p…..a”. Non il massimo dell’eleganza, sia ben chiaro, ma il tifo specie qui a Roma non segue certo le regole del bon ton. Basta ricordare, ad esempio, il coro della passata stagione  su Bakayoko, uscito fuori dopo quell’infelice teatrino messo in scena dal giocatore del Milan alla fine di Milan-Lazio di campionato, con la maglia di Acerbi (che l’aveva scambiata con lui a fine partita in segno di pace dopo le polemiche via social dei giorni della vigilia…) esposta sotto la curva rossonera come se fosse un trofeo di guerra. Quel coro su Bakayoko diventò il “tormentone” di quel finale di stagione, un po’ come le canzoncine dell’estate che anche se le odi ti entrano nel cervello e anche se le odi ti ritrovi a canticchiarle perché le senti ovunque. Bene, il tormentone di questa stagione, a quanto pare, è diventato il coro sulla mamma di Zaniolo, cantato a gran voce anche ieri sera all’Olimpico.

E Veniamo a Zaniolo. Ieri, un gruppo di tifosi romanisti, usando le stesse note, ha dedicato quel coretto alle mamme dei laziali. “La mamma dei laziali è una p…a”. Anche se non è elegante ci sta tutta, non c’è niente di male e fa parte della goliardia da stadio. Quello che invece non ci sta, è il commento lasciato da Nicolò Zaniolo su Instagram in calce ad un post di una pagina romanista (che ha più di 43.000 follower) in cui erano ritratti dei tifosi giallorossi che sulle tribune di Graz cantavano quel coro. Quel GRANDI scritto a caratteri cubitali con l’aggiunta dei punti esclamativi e firmato da Nicolò Zaniolo non è passato inosservato, anche se dopo qualche ora il giocatore o qualcuno per lui lo ha rimosso.

Uno scivolone, una gaffe che un giocatore professionista e che per giunta fa parte del gruppo della Nazionale azzurra non si può permettere. Questione di immagine. Specie dopo che il clan azzurro ha punito qualche eccesso comportamentale del centrocampista giallorosso e soprattutto ora che la Roma (società abbastanza attenta all’immagine) ha dichiarato guerra ai tifosi giallorossi che postano commenti offensivi sui calciatori della Roma, arrivando addirittura a daspare a vita un ragazzo per un commento razzista su Juan Jesus.

Zaniolo è sicuramente un grande talento, ma in campo e soprattutto fuori dal rettangolo di gioco deve crescere molto se non vuole entrare nella storia come una delle tante promesse non mantenute del calcio italiano, come uno grande con i piedi ma non di testa…




Accadde oggi 16.10

1921 Roma, campo della Rondinella - Lazio-Vittoria 4-0
1927 Roma, stadio Nazionale - Lazio-Alessandria 0-1
1932 Milano, stadio Civico Arena - Ambrosiana-Lazio 1-2
1938 Bologna, stadio Littoriale - Bologna-Lazio 2-0
1949 Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Roma 3-1
1953 Nasce a Briosco (MI) Giuliano Terraneo
1955 Roma, stadio Olimpico - Roma-Lazio 0-0
1983 Roma, stadio Olimpico - Lazio-NY Cosmos 3-1
1988 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Torino 1-1
1994 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Napoli 5-1
1999 Udine, stadio Friuli - Udinese-Lazio 0-3
2001 Roma, stadio Olimpico - Lazio-PSV Eindhoven 2-1
2005 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Fiorentina 1-0

Video

Intervista a Luciano Moggi
di Stefano Greco

Titolo Lazio

Analisi del titolo S.S. LAZIO del 16/10/2019
 

7,679 titoli scambiati
Chiusura registrata a 1,21
Variazione del -0,33%