15 Giugno 2018

La "Academy Bob Lovati" non esiste più!
di Stefano Greco

Vi ricordate l’Academy? Quella presentata in pompa magna il 26 maggio del 2014, guarda caso proprio nel giorno in cui andava in scena il Fiorini-day e montava la contestazione contro Lotito? Bene, dopo più di 48 mesi, non solo non sono iniziati i lavori per la realizzazione di quel maxi-progetto che prevedeva una nuova foresteria, aule in stile universitario e addirittura un nuovo impianto con una tribuna a forma di ali d’aquila (per il semplice motivo che, come avevamo scritto quel giorno e successivamente, il comune di Formello non aveva mai ricevuto un progetto con relativo ampliamento della cubatura di Formello da approvare e, senza quello…), ma quel progetto è stato letteralmente accantonato e sostituito da un modesto restyling che non prevede alcun aumento di cubatura e quindi niente Academy intestata a Bob Lovati, niente nuovi alloggi per i giocatori, nulla di nulla. Ma la mitica SNAM LAZIO SUD, proprietaria del 40% di Lazio Events (la srl attraverso la quale Lotito controlla la Lazio), ha già incassato (addirittura 4 anni fa) qualcosa come 3,94 MILIONI DI EURO DI ACCONTI SU LAVORI FUTURI DI UNA ACADEMY CHE NON VEDRÀ MAI LA LUCE!

Gìà, dopo 4 anni l’Academy non esiste, il mago olandese che doveva dirigerla è stato messo alla porta dopo 3 anni di disastri, la posa della prima pietra (virtuale) fatta quel 26 maggio del 2014 è stata una farsa, ma tra maggio del 2014 e marzo del 2015 la SNAM LAZIO SUD ha portato a casa quasi 4 milioni di euro: 2,30 milioni di euro per “acconti su lavori”, nel bilancio al 30 giugno 2014 (pag. 51 del bilancio 2013-2014)…

http://www.sslazio.it/images/stories/documenti/pdf/investor_relator/Bilancio%20S.S.%20LAZIO%20SpA%2030-06-2014.pdf

E altri 1,64 milioni di euro “per acconti sul progetto accademy” nella prima trimestrale del bilancio 2014-2015 (pag. 10 del resoconto intermedio)

http://www.sslazio.it/images/stories/documenti/pdf/investor_relator/Resoconto%20intermedio%20gestione%2030-09-2014.pdf

È tutto nero su bianco nei bilanci. Tra l’altro, con scritto “accademy con due C”, quando basta prendere un vocabolario d’inglese oppure vedere la foto di Lotito con la bandiera il giorno della presentazione di quello che oramai è destinato a restare un progetto-fantasma per sapere che Academy si scrive con una sola C. Ma questa è una questione di forma, la sostanza è che la SNAM LAZIO SUD tra luglio 2013 e marzo 2014, ha incassato dalla Lazio qualcosa come 3,3 milioni di euro, ai quali si aggiungono i 3,94 milioni di euro incassati tra il 1° aprile e il 30 settembre 2014. Stiamo parlando di quasi 7,3 milioni di euro! Tanto per fare un esempio quasi la cifra che ha versato (ma in 3 anni…) la Macron nelle casse della Lazio prima del rinnovo del contratto. Ma quando qualcuno ha osato chiedere spiegazioni a Lotito in merito a questo fiume di denaro che per anni è uscito dalle casse della Lazio per entrare in quelle delle sue aziende, lui ha sempre risposto così: “Sono tutte mistificazioni… Parla gente che non conosce il meccanismo di una società complessa come la Lazio… Si tratta di cifre ridicole, irrisorie, irrilevanti nel bilancio di una società…”

Lo ha fatto anche 4 anni fa proprio in occasione della presentazione della Academy che non c’è, quando qualcuno ha provato a far notare che tra il 1° luglio 2013 e il 31 marzo 2014 la cifra passata dalle casse della Lazio a quelle delle “parti correlate” (ovvero le 7 aziende legate a Lotito) ammontava a 10,280 MILIONI DI EURO! Ovvero 1,142 milioni di euro al mese. Con la SNAM LAZIO SUD a fare la parte del leone. E la risposta fu: “Sorrido perché io non ho creato soluzioni finalizzate al guadagno, perché guadagnare significa trarre degli utili di carattere personale. Io ho fatto solo una cosa che mi sembrava giusta fare tra l’altro in piena trasparenza, perché sta sui bilanci tra le parti correlate… C’erano dei servizi, che erano stati affidati dalle precedenti gestioni a terzi che avevano prodotto dei risultati di qualità non idonei e che avevano un costo superiore a quello normalmente praticato sul mercato. Io non ho fatto altro che sostituire quei servizi, che non sono stati istituiti da me, con quelli di aziende che hanno dei costi di gran lunga inferiori e con un servizio migliore. La vigilanza c’era, la manutenzione c’era, la mensa pure…”.

Peccato che andando a spulciare tra i bilanci pre era lotito, ma anche i bilanci dei primi anni di gestione Lotito, non si trovi traccia di queste spese. Nel bilancio chiuso al 30.6.2005 e in quello chiuso al 30.6.2006 (i primi due dell’era Lotito), ad esempio, NON ESISTONO RAPPORTI CON LE PARTI CORRELATE. Ovvero, nessuna azienda di Lotito all’epoca rapporti economici con la Lazio. E non esisteva, sempre all’epoca, una ditta che aveva l’appalto della vigilanza di Formello. Vigilanza che veniva fatta dai dipendenti della Lazio che stavano al cancello a controllare chi entrava nel centro sportivo. Nella stagione 2006-2007, sono comparsi i primi rapporti con le PARTI CORRELATE. La vigilanza è stata affidata alla Roma Union Secutirty e la manutenzione di Formello alla Gasoltermica Laurentina. E fino alla stagione 2010-2011, NON SONO ESISTITI ALTRI RAPPORTI CON ALTRE PARTI CORRELATE. Quindi, qui già cade l’asino, perché se le varie Linda, Bona Dea, Snam Sud e Omnia Service non figurano in nessun bilancio nei primi 7 anni di gestione Lotito, significa che NON HANNO SOSTITUITO ALTRE AZIENDE CHE GIÀ OPERAVANO CON CONTRATTI FIRMATI DA GESTIONI PASSATE. Ergo, Lotito ha sempre mentito su questo.

Insomma, da Formello per anni è uscito un fiume di denaro (che ora non si è fermato, ma è solo diminuito di intensità…) e la Academy è stata solo una “scusa” per far finire milioni e milioni di euro nelle casse della SNAM LAZIO SUD, usando come specchietto per le allodole il “progetto giovani”. Un progetto che,  visti i risultati ottenuti negli ultimi anni dalla Primavera gestita da Tare come se fosse una vera e propria seconda squadra, con tanto acquisti di decine di giocatori stranieri (addirittura 15 in questa stagione che si è chiusa con la retrocessione nel gruppo B), non ha prodotto grandissimi risultati. Un progetto che ora andrà avanti senza bisogno di gettare altro cemento all’interno di Formello, semmai solo con qualche campo in più al posto dei campi da tennis e da calcetto che stavano davanti alla foresteria.

Ma per fare tutto questo, non servivano 4 milioni di euro solo di ACCONTO PER LAVORI FUTURI, visto che con meno di 8 milioni di euro il Torino ha ricostruito il Filadelfia in un’area di 38.000 metri quadrati in cui sorge uno stadio con una capienza di 4000 posti aumentabili fino a 15.000. oltre a sede sociale, museo del Torino, foresteria, spogliatoi, aule e via discorrendo. Un progetto realizzato in appena due anni dalla posa della prima pietra avvenuta nel 2015 con consegna nel 2017.

Invece, a Formello si presenta la ACADEMY, con tanto di dedica a Bob Lovati per dare ancora più enfasi alla cosa (e gettare un po’ di fumo negli occhi), si presenta addirittura il responsabile del progetto (l’olandese Joop Lensen), ma dopo 49 mesi si scopre che la Lazio quel progetto non lo ha mai neanche presentato al Comune di Formello, dove invece è stato presentato allo Sportello Unico per l'Edilizia (SUE) del Comune di Formello un “progettino” completamente diverso: senza aumenti di cubatura, senza nuovo impianto con tribuna, senza aule e senza la foresteria da aggiungere a quella già esistente

Sì, avete letto bene. Quel progetto dettagliato con la cubatura di spogliatoi, foresteria, centro medico e aula universitaria, non è stato presentato e bocciato dal Comune di Formello, ma semplicemente NON È MAI  STATO PRESENTATO! Ma la Lazio ha già versato addirittura 4 anni fa milioni e milioni di euro nelle casse della SNAM LAZIO SUD  per “acconti su lavori” e “per acconti sul progetto Accademy”.  Rigorosamente con due C.

Riportare questi dati, non significa “remare contro la Lazio” e, tantomeno, “voler far polemica a tutti i costi”. Significa solo chiedere conto a Lotito delle cose dette mai realizzate, oppure delle bugie sui costi dei “rapporti con le parti correlate”, ovvero con le sue aziende. Perché non è normale che in questi anni la Lazio abbia versato qualcosa come 50  milioni di euro nelle casse delle aziende del proprietario della Lazio, spesso e volentieri per fare cose che prima facevano i dipendenti della Lazio. Così come non è normale che la Lazio versi da luglio del 2011 qualcosa come 1,5 milioni di euro all’anno nelle casse della Salernitana, per giunta ricavando zero dai prestiti dei giocatori della Lazio che vanno a giocare a Salerno, oppure dal lavoro di contabilità e di gestione della Salernitana che viene fatto a Roma dai dipendenti della Lazio.

Quando nel 2015 la Salernitana è salita in Serie B (e quindi con maggiori incassi e l’arrivo dei soldi dei diritti tv) abbiamo sperato nella fine del versamento di questo obolo, nella possibilità di investire quel milione e mezzo di euro, magari, per il proprio settore giovanile. Visto che il budget dell’intero settore giovanile della Lazio non arriva al milione di euro all’anno. Invece, nulla. Le giovanili della Lazio quest’anno hanno vissuto l'anno più nero della gestione Lotito ora la storia della Academy Bob Lovati è finita nel nulla. Un progetto presentato in pompa magna diventato carta straccia. E a questo senza parlare del progetto dello “Stadio delle Aquile”, quello presentato in pompa magna a Formello a maggio del 2005 e che dopo 13 anni si è fermato al plastico realizzato dall’Ama Group. Già la storia dello stadio avrebbe dovuto aprire gli occhi a molti, ma questo bis con la Academy è la prova definitiva del fatto che Lotito va avanti a chiacchiere, a proclami e promesse fatte solo per propaganda… Ed è un peccato, perché sono queste le cose di Lotito che fanno indispettire la gente, che finiscono poi con l'offuscare in qualche modo anche le cose buone di questa gestione (che ci sono), sono queste le “balle spaziali” che fanno perdere credibilità al personaggio. Ma lui non cambierà mai, anche se qualcuno si affanna a ripetere che è cambiato, dipingendo l’ennesimo quadro irreale...




Accadde oggi 19.09

1937 Roma, stadio del P.N.F. - Lazio-Genova 1893 2-1
1942 Napoli, Vomero - Napoli-Lazio 1-2
1948 Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Juventus 0-4
1954 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Sampdoria 1-3
1964 Nasce a Roma Antonio Sciarpa
1971 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Ternana 2-0
1973 Roma, stadio Olimpico - Lazio- FC Sion 3-0
1977 Nasce a Venezia Tommaso Rocchi
1981 Terni, stadio Libero Liberati - Lazio-Spal 1-2
1982 Como, stadio Giuseppe Sinigaglia - Como-Lazio 0-0
1993 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Inter 0-0
1999 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Torino 3-0
2001 Roma, stadio Olimpico - Lazio-FC Nantes Atlantique 1-3
2002 Roma, stadio Olimpico - Lazio-AC Skoda Xanthi 4-0
2004 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Reggina 1-1

Video

Adesso vi spiego...
di Gianmarco Liberati

Titolo Lazio

Analisi del titolo S.S. LAZIO del 13/07/2018
 

292.805 titoli scambiati
Chiusura registrata a 1,644
Variazione del +2,37%