07 Marzo 2018

Lotito, bocciato, ora spera nel VAR...
di Stefano Greco

Se nel calcio la beffa può arrivare per una questione di centimetri, a volte in politica la beffa arriva per colpa di una manciata di voti. Nel caso di Lotito, il sogno cullato per una vita di entrare in Parlamento grazie ad un seggio al Senato da ripescato nelle liste di Forza Italia è andato in frantumi per pochi voti, per l’esattezza per appena 5 voti. Roba da mordersi le dita e da mangiarsi il fegato. Tutta colpa della man bassa fatta dal Movimento 5 Stelle in Campania, ma anche di 7 schede considerate nulle e di un cavillo della legge elettorale che ha tolto a Lotito una poltrona che sentiva già sua.

Insomma, dopo quelle subite con il Milan e la Juventus da presidente della Lazio, oggi è arrivata un’altra beffa in zona Cesarini per Claudio Lotito, estromesso ufficialmente dalla lista degli eletti Senato ed entrato a far parte del listone degli “illustri trombati” di queste politiche. A lungo in bilico, infatti, dovrà rinunciare all'ingresso a Palazzo Madama. Per una manciata di voti non è scattato il secondo seggio per il listino di Forza Italia per il collegio plurinominale al Senato di Benevento, Avellino e Salerno. La capolista Alessandra Lonardo (moglie di Clemente Mastella) non potrà, infatti, rinunciare al seggio in quel collegio e optare per il collegio di Napoli per far posto a Lotito, perché in caso di elezione in più collegi la legge le impone l’elezione nel collegio più piccolo, quello di Benevento appunto, in cui il secondo dietro alla moglie di Mastella era appunto Claudio Lotito.

Ma Lotito non ha perso le speranze e pare deciso a ricorrere al VAR politico, ovvero a fare ricorso per ottenere dai giudici quello che gli è stato sottratto dall’urna e dalla legge elettorale. A convincerlo a fare ricorso, è stato proprio Clemente Mastella, sindaco di Benevento nonché consorte di Alessandra Lonardo, ovvero del candidato che ha messo fuori dai giochi il presidente della Lazio. Ed è statolo stesso Mastella a confermarlo.

“Ho detto al mio amico Lotito di fare ricorso, perché ci sono almeno sette schede che sono state annullate in quanto la croce non era stata centrata sul simbolo o sul nome del candidato”.

Abituato a fare ricorsi e a portare tutti in tribunale, quindi, chiuso il portone di palazzo Madama Lotito probabilmente proverà a rientrare dalla finestra affidandosi all’avvocato Gian Michele Gentile, suo amico d’infanzia nonché avvocato della Lazio che intervistato da LLSN ha confermato.

“Il candidato ha il diritto di esaminare le schede presso l’ufficio elettorale ed è quello che sta facendo Lotito, perché quando ci sono schede nulle, si deve verificare se la nullità del voto è giusta oppure no. Lotito sta spulciando tutto quello che si può nell’ufficio della Corte d’Appello di Napoli per vedere se c’è qualcosa che non quadra. Nel caso di voti esclusi illegittimamente, allora si fa il ricorso”. 

Insomma, Lotito spera che questo tipo di VAR politico/giudiziario gli consenta di ottenere in politica quello che il vero VAR calcistico gli ha tolto in questa stagione come presidente della Lazio. Perché questo era il treno su cui sognava di salire da una vita, quello che ha atteso per anni. E Lotito non ci sta a vederlo passare così senza poterci salire…




Accadde oggi 19.09

1937 Roma, stadio del P.N.F. - Lazio-Genova 1893 2-1
1942 Napoli, Vomero - Napoli-Lazio 1-2
1948 Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Juventus 0-4
1954 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Sampdoria 1-3
1964 Nasce a Roma Antonio Sciarpa
1971 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Ternana 2-0
1973 Roma, stadio Olimpico - Lazio- FC Sion 3-0
1977 Nasce a Venezia Tommaso Rocchi
1981 Terni, stadio Libero Liberati - Lazio-Spal 1-2
1982 Como, stadio Giuseppe Sinigaglia - Como-Lazio 0-0
1993 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Inter 0-0
1999 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Torino 3-0
2001 Roma, stadio Olimpico - Lazio-FC Nantes Atlantique 1-3
2002 Roma, stadio Olimpico - Lazio-AC Skoda Xanthi 4-0
2004 Roma, stadio Olimpico - Lazio-Reggina 1-1

Video

Adesso vi spiego...
di Gianmarco Liberati

Titolo Lazio

Analisi del titolo S.S. LAZIO del 13/07/2018
 

292.805 titoli scambiati
Chiusura registrata a 1,644
Variazione del +2,37%